New York – La Grande Mela

Pin It

Prenota un hotel a New York

“New York è una città perfida, una città sporca. Il suo clima è uno scandalo, la sua politica consiste nello spaventare i bambini, il suo traffico è follia, la sua competitività è assassina. Ma una cosa è certa: se hai vissuto a New York ed è diventata la tua patria, non esiste posto migliore al mondo.”
John Steinbeck, 1953

New York è la più grande città degli Stati Uniti ed è anche una dei centri urbani più popolosi del mondo. Non è, come molti pensano, la capitale degli Stati Uniti – e neanche dello Stato che porta il suo nome. Ma è senza dubbio il paese della cultura, delle comunicazioni, delle imprese, del capitale finanziario e possiede una posizione di leader nei settori della politica, dell’educazione, dell’industria, del commercio e dei trasporti. Con questa guida di New York ci proponiamo di presentare la città sotto diversi punti di vista e diverse prospettive. La statura internazionale della Grande Mela è stata riconosciuta dopo la seconda guerra mondiale, quando fu scelta come sede del quartier generale delle Nazioni Unite. L’area metropolitana di New York si compone di cinque circoscrizioni: Bronx, Brooklyn, Manhattan, Queens e Staten Island – per un totale di circa 800 kilometri quadrati.

Il Bronx, il quartiere più a nord e l’unico a trovarsi sulla terraferma, ha 1,4 milioni di abitanti e una certa reputazione violenta nella sua parte meridionale. Fondato da un immigrato danese di nomeJohannes Bronck, il Bronx oggi presenta un ricco patrimonio italiano, splendidi giardini botanici, le vecchie case degli scrittori Edgar Allan Poe e Mark Twain e, per gli appassionati di baseball, lo Yankee Stadium.

Brooklyn, sulla punta occidentale di Long Island, divenne il primo sobborgo di New York quando fu annesso alla città nel 1898. Con più di 2,5 milioni di cittadini – 1 milione in più di Manhattan – presenta vie pavimentate con ciottoli, circa 600 edifici secolari e una vista spettacolare su Manhattan.

Queens,chiamato così per onorare la moglie del re d’Inghilterra Charles II, ospita l’aeroporto internazionale JF Kennedy. I newyorkesi tendono a ritenerlo un posto noioso, ma il Queens ha una vivace comunità greca – la più grande al di fuori della Grecia – un quartiere sud-americano e fiorenti studi cinematografici.

Staten Island è collegata a Brooklyn dal ponte di Verrazano lungo 1298 metri. La maggior parte dei visitatori, però, la raggiunge col traghetto da Manhattan per godere della splendida vista che offre sui grattacieli e la Statua della Libertà.

Manhattan è il luogo dove la maggior parte dei visitatori trascorrono la gran parte del loro tempo. Qui ci sono i famosi grattacieli, i musei, i teatri di Broadway e i luoghi resi celebri da centinaia di film. Appena il benessere di New York aumentò alla fine del 18° secolo, gli immigrati cominciarono ad arrivare sempre in maggior numero, portando con loro nuove idee e nuove speranze. I tedeschi e gli irlandesi sono stati i primi ad arrivare in grandi ondate, seguiti dagli italiani e dai profughi provenienti dall’Europa orientale, tra cui molti ebrei. Nel 1884 iniziarono ad arrivare anche gli immigrati dal Vicino ed Estremo Oriente.

Ogni gruppo di nuovi arrivati si insediava principalmente con i propri connazionali e la città presto ebbe comunità etniche ben riconoscibili: Chinatown e Little Italy, gli ebrei nel Lower East Side, i tedeschi in Yorkville. Si tratta di un processo che ha continuato, in larga misura, fino al giorno d’oggi: gli afro-americani ad Harlem, i greci in Astoria, i portoricani nel Sud Bronx, gli arabi sulla Atlantic Avenue a Brooklyn e gli indiani (non i nativi americani) nella punta meridionale di Manhattan. Ogni gruppo etnico ha avuto un profondo effetto sulla città e sul suo sviluppo culturale. Musica, varietà, i grandi spettacoli musicali di Broadway, teatro, danza, cinema, arte, architettura – tutto questo ha formato una cultura non solo tipicamente americana, ma anche caratteristica di New York.

Lo skyline di New York è stato modificato drasticamente dall’attacco terroristico dell’11 settembre 2001, che ha fatto crollare le torri gemelle del World Trade Center, ma i visitatori continueranno a provare grandi emozioni nel riconoscere luoghi di questa grande città così familiari a tutti anche se visti solo sullo schermo: l’Empire State Building, la Statua della Libertà, Tiffany’s, il Ponte di Brooklyn.

“Qualcosa succede sempre qui. Se sei annoiato a New York, la colpa è solo tua”
Myrna Loy

Scegli il tuo Tour a New York


Hotel Consigliati

Club Quarters, Opposite Rockefeller Center

Club Quarters, Opposite Rockefeller CenterSituato in un'ottima posizione a Manhattan e ad appena 1 isolato dal teatro Radio City Music Hall, il Club Quarters, Opposite Rockefeller Center offre [...]

The Ritz-Carlton New York, Central Park

The Ritz-Carlton New York, Central ParkSituato nel quartiere Midtown di Manhattan, a pochi passi dalla Fifth Avenue e dal Rockefeller Center, questo albergo si affaccia su Central Park e va [...]

W New York - Times Square

W New York - Times SquareSituato a Broadway, a Times Square di New York City, questo hotel dista 10 minuti a piedi dai negozi della 5th Avenue. Offre un ristorante e camere co [...]

Hotel Newton

Hotel NewtonSituato in un'ottima posizione, nell'Upper West Side di Manhattan, l'intimo Hotel Newton sorge a pochi passi dalla stazione della metropolitana 96th S [...]

Hampton Inn Manhattan-Times Square North

Hampton Inn Manhattan-Times Square NorthUbicato convenientemente nel centro di Manhattan, questo hotel si trova a 10 minuti di cammino da Central Park e Times Square. Offre una palestra, con [...]

The Carlyle, A Rosewood Hotel

The Carlyle, A Rosewood HotelUbicato a solo 1 isolato da Central Park, questo storico hotel di Manhattan si trova a 5 minuti a piedi dal Metropolitan Museum of Art. Ospita il rist [...]

Upper Yorkville Suites

Upper Yorkville SuitesSituata nell'East Side Manhattan, a 5 minuti di cammino dalla stazione della metropolitana 103rd Street, l'Upper Yorkville Suites offre la connessione [...]